CREDITO.IN.CASSACon la nuova Operazione Credito In-Cassa B2B, Regione Lombardia introduce ulteriori agevolazioni a favore delle micro, piccole, medie e grandi imprese lombarde.

La Regione Lombardia ha approvato l'istituzione di una nuova linea di intervento denominata “Credito In-Cassa B2B”, finalizzata allo smobilizzo dei crediti vantati dalle micro, piccole, medie e grandi imprese lombarde verso altre imprese o altre tipologie di soggetto debitore, ad esclusione degli Enti Locali.

La misura viene realizzata attraverso lo smobilizzo di crediti commerciali maturati o maturandi presso Intermediari Bancari o presso società di società di factoring convenzionati. Per le PMI le linee di credito/affidamenti: devono avere un importo minimo 10.000 euro e massimo di 1.500.000 euro.

Apertura dello sportello: 29 gennaio 2015. Richiedi informazioni

CREDITO IN CASSA

Logo Italia Contributi

Richiedi un Appuntamento a Milano

Richiedi un appuntamento in altre città

Richiedi informazioni

Sei un Commercialista? Collabora con noi​

 

L’operazione Credito In-Cassa B2B si articola in due Sottomisure:


- SOTTOMISURA A - “LIQUIDITÀ ALLE MPMI”

 

La sottomisura A agevola, tramite un Fondo di Garanzia di 20 milioni di euro a valere sul Fondo di Investimento Jeremie FESR (istituito con DGR n° VIII/7687 del 24/07/2008 nell’ambito del POR competitività FESR 2007-2013), l’accesso delle micro, piccole e medie imprese lombarde a finanziamenti finalizzati allo smobilizzo dei crediti commerciali (attuali e futuri) vantati nei confronti di altre imprese e concessi dagli intermediari finanziari aderenti all’iniziativa.

 

 

- SOTTOMISURA B - “LIQUIDITÀ ALLE GRANDI IMPRESE”

 

La sottomisura B agevola, lo smobilizzo dei crediti commerciali vantati dalle Grandi Imprese lombarde nei confronti di altre imprese, mediante lo strumento del factoring pro-soluto.

Regione Lombardia mette a disposizione 9,5 milioni di euro (tramite il Fondo Contributi, in condivisione con l’Iniziativa Credito In-Cassa) per l’abbattimento degli oneri connessi alle operazioni di smobilizzo di crediti commerciali delle grandi imprese. Inoltre, per le imprese che abbiano aderito al “Codice Italiano Pagamenti Responsabili”, è previsto un abbattimento dell'1,25% rispetto allo 0,75% assicurato negli altri casi.


DOTAZIONE FINANZIARIA

 

Le risorse finanziarie, rese disponibili dagli intermediari bancari e finanziari, ammontano a 500 milioni di euro, di cui:

 

  • - 200 milioni di euro a favore delle MPMI (sottomisura A)
  • - 300 milioni di euro a favore delle Grandi Imprese (sottomisura B).

 

BENEFICIARI

 

Micro, piccole, medie e grandi imprese lombarde appartenenti a tutti i settori (ad esclusione delle imprese che svolgono attività finanziarie e assicurative) con sede legale e/o almeno una sede operativa in Lombardia.

COSA FINANZIA

 

Credito in Cassa B2B finanzia lo smobilizzo dei crediti vantati verso altre imprese o altre tipologie di soggetto debitore, ad esclusione degli Enti Locali.


Sarà possibile presentare domanda nei termini stabiliti su:

 

  • "Avviso pubblico per la concessione di interventi finanziari a favore delle mpmi – operazione “credito in-cassa b2b” sottomisura a”

e su:

  • “Avviso pubblico per la concessione di interventi finanziari a favore delle grandi imprese – operazione “credito in-cassa b2b” sottomisura b”.

 

TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

 

L’agevolazione consiste in una garanzia a copertura del mancato rimborso degli importi affidati nel periodo di efficacia avente le seguenti caratteristiche:

• è rilasciata a titolo gratuito;

• copre le prime perdite (10%) del portafoglio di operazioni finanziarie nel limite dell’80% della singola operazione ed opera a prima richiesta;

• copre la parte capitale, con esclusione degli interessi;

• ha efficacia per una durata massima pari a 18 mesi meno un giorno, secondo i termini e le modalità che saranno definite nell’avviso alle imprese.

 

SPESA AMMISSIBILE

CARATTERISTICHE DELLE OPERAZIONI FINANZIARIE GARANTITE 

 

Linee di credito/affidamenti censiti quali «rischi autoliquidanti» ai sensi di quanto previsto dalla relativa normativa Banca d’Italia, ed in particolare:

  • a. anticipo per operazioni di factoring (solo pro-solvendo);
  • b. anticipo s.b.f.;
  • c. anticipo su fatture;
  • d. altri anticipi su effetti e documenti rappresentativi di crediti commerciali;
  • e. sconto di portafoglio commerciale e finanziario indiretto;
  • f. finanziamento a fronte di cessione di credito effettuate ai sensi dell’art. 1260 c.c.

Linee di credito/affidamenti censiti come «anticipi su crediti futuri connessi con operazioni di factoring»

 

MASSIMALI


Le linee di credito/affidamenti:


• devono avere un importo minimo pari a 10.000 euro;

• devono avere un importo massimo pari a 1.500.000 euro;


Le linee di credito/affidamenti potranno essere «a scadenza» e/o «a revoca».


A supporto dell’operazione l’Intermediario finanziario potrà richiedere ulteriori garanzie all’impresa, ivi incluse quelle rilasciate dai Confidi.

 

NUMERO DI DOMANDE PRESENTABILI

 

Un’impresa può presentare più domande a condizione che:


• sia stata deliberata la precedente domanda;

• siano trascorsi almeno 4 mesi dalla presentazione della precedente domanda;

• non abbia raggiunto, tenendo conto delle precedenti domande, i limiti previsti del de-minimis.

 

REGIME DI AIUTO

 

La garanzia è concessa ai sensi e nei limiti del Regolamento CE 1407/2013 sul de Minimis.

 

- SOTTOMISURA B (GRANDI IMPRESE)

 

CRITERI ATTUATIVI DELLA LINEA DI INTERVENTO CREDITO IN-CASSA B2B 

 

FINALITÀ

Agevolare lo smobilizzo dei crediti commerciali delle Grandi Imprese Lombarde vantati nei confronti di altre imprese o altre tipologie di soggetto debitore, ad esclusione degli Enti Locali, attraverso lo strumento del factoring pro-soluto.

 

SOGGETTI BENEFICIARI

Grandi Imprese aventi, alla data di presentazione della domanda, i seguenti requisiti:

 

  • A. abbiano sede legale o una o più sedi operative in Lombardia;
  • B. siano iscritte al registro delle Imprese e siano attive;
  • C. siano appartenenti ad uno qualsiasi dei settori di attività ATECO 2007 (l’appartenenza al settore Istat - ATECO 2007 è attestata dal codice di attività primaria come risultante dal certificato di iscrizione camerale) con l’esclusione di quanto sotto indicato.


Sono escluse, in ogni caso, dall’operazione le Imprese:
• che rientrano nel campo di esclusione di cui all’art. 1 del Regolamento CE 1407/2013 sul de Minimis;
• che abbiano ricevuto e successivamente non rimborsato, o depositato in un conto bloccato, gli aiuti sui quali pende un’ingiunzione di recupero, a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara l’aiuto illegale e incompatibile con il mercato comune, ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CE n. 659/1999 del 22 marzo 1999 recante modalità di applicazione dell’articolo 93 del Trattato CE;
• che siano in stato di liquidazione o sottoposte a procedura concorsuale;
• che non siano in regola con le vigenti norme in materia di lavoro e prevenzione degli infortuni.
• che appartengano al codice di attività primaria ATECO 2007 «K - Attività finanziarie e assicurative»

 

TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

Contributo abbattimento oneri a favore delle Grandi Imprese nella misura massima di:

• 125 basis point a valere sull’onerosità dell’operazione di cessione pro-soluto del credito, nel caso l’impresa beneficiaria abbia aderito al Codice Italiano Pagamenti Responsabili;
• 75 basis point a valere sull’onerosità dell’operazione di cessione pro-soluto del credito, negli altri casi.

 

CARATTERISTICHE DELL’OPERAZIONE
Cessione, attraverso lo strumento del factoring pro-soluto, dei crediti delle Grandi Imprese vantati nei confronti di altre imprese o altre tipologie di soggetto debitore, ad esclusione degli Enti Locali.

Per effetto della cessione del credito ammesso, l’Intermediario corrisponderà all’Impresa un ammontare pari all’importo unitario di cessione, al netto di una commissione.

Resta a carico dell’Impresa ogni altro onere connesso alla stipula del contratto di cessione del credito, ivi incluse le spese notarili o eventuali diritti di segreteria.

 

SPESA AMMISSIBILE


I crediti che possono essere ceduti nell’ambito dell’operazione:

• devono avere natura contrattuale, derivanti da contratti di lavori, servizi e forniture, ammettendosi anche i crediti di cui l’Impresa sia divenuta titolare a seguito di cessione del contratto o di operazioni societarie straordinarie, quali fusioni, scissioni e/o cessioni di azienda o di ramo di azienda;

• devono essere nella piena, esclusiva e incondizionata titolarità e disponibilità dell’Impresa.

Non sono ammissibili i crediti di cui l’impresa sia divenuta titolare a seguito di cessione del credito.

Il contributo massimo attribuibile all’impresa, in ogni caso, non può superare la soglia massima del deminimis prevista dal Regolamento CE 1407/2013.

 

NUMERO DI DOMANDE PRESENTABILI

Un’impresa può presentare più domande con modalità e termini che saranno definiti nell’Avviso alle Imprese.


REGIME DI AIUTO


Il Contributo è concesso ai sensi e nei limiti del Regolamento CE 1407/2013 sul de Minimis

Se un’impresa cede un credito il cui ammontare determina un contributo superiore al massimo concedibile ai sensi dell’art. 3 comma 2 del Regolamento CE 1407/2013, questa non sarà esclusa dall’operazione ma le sarà assegnata il contributo massimo previsto ai sensi dal regime de-minimis.

 

DOMANDE

Apertura dello sportello: 29 gennaio 2015.

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

RICHIEDI