fondo imprese in crisiFONDO PER LA GESTIONE DELLE CRISI D’IMPRESA: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del MISE che rende operativo il Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la prosecuzione dell'attività d'impresa, istituito dal Decreto Rilancio, che consente allo Stato attraverso Invitalia di poter entrare nel capitale delle aziende in crisi per un ammontare massimo di 10 milioni di euro e per un periodo non superiore a 5 anni.
FINALITÀ: facilitare la ristrutturazione di imprese in difficoltà, prevedendo una combinazione di aiuti all’investimento e alle tutele occupazionali.
BENEFICIARI: oltre alle aziende titolari di marchi storici di interesse nazionale, possono accedere allo strumento le imprese con oltre 250 dipendenti o che, indipendentemente dal numero degli occupati, detengono beni e rapporti di rilevanza strategica per l’Italia rivestendo un ruolo chiave nel promuovere lo sviluppo e il benessere della collettività.
CONDIZIONI: l'intervento nel capitale di rischio dovrà essere accompagnato da un apporto di investitori privati per almeno il 30%.
MASSIMALE: il tetto dei 10 milioni vale per il complesso degli interventi e può essere superato solo se solo se partecipano anche Regioni o altre amministrazioni locali.
DEROGA PER LE PMI: vale anche nei casi di proroga di sei mesi della cassa integrazione straordinaria per cessazione. 
RISORSE: il Fondo ha una disponibilità di 300 milioni per il 2020, rifinanziata con ulteriori 250 milioni per il 2021. Leggi tutto l'articolo per conoscere i requisiti richiesti.

CHIEDI INFORMAZIONI 150CHIEDI APPUNTAMENTO 150 BIANCO

FONDO PER LA GESTIONE DELLE CRISI D’IMPRESA

 

logo Campania contributi 300px

 

 

Chiedi Appuntamento in video conferenza o telefonico

 

 

 

FONDO PER LA GESTIONE DELLE CRISI D’IMPRESA

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del MISE che rende operativo il Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la prosecuzione dell'attività d'impresa, istituito dal Decreto Rilancio, che consente allo Stato attraverso Invitalia di poter entrare nel capitale delle aziende in crisi per un ammontare massimo di 10 milioni di euro e per un periodo non superiore a 5 anni.

FINALITÀ

Facilitare la ristrutturazione di imprese in difficoltà, prevedendo una combinazione di aiuti all’investimento e alle tutele occupazionali.

BENEFICIARI

Possono beneficiare degli interventi del fondo previsti dal presente decreto le imprese versanti in uno stato di difficolta' economico finanziaria che, alla data di presentazione della domanda di accesso al fondo, hanno avviato un confronto presso la struttura per la crisi d'impresa del Ministero dello sviluppo economico e si trovano in una delle seguenti condizioni: 

  • a) sono titolari di marchi storici di interesse nazionale;
  • b) sono costituite in forma di societa' di capitali e hanno un numero di dipendenti, comprensivo dei lavoratori a termine, degli apprendisti e dei lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo parziale, superiore a duecentocinquanta. 
    Ai fini della determinazione del predetto numero, rilevano i valori consolidati a livello di gruppo con riferimento ai soli dipendenti impiegati in unita' locali dislocate sul territorio nazionale;
  • c) indipendentemente dal numero degli occupati, detengono beni e
    rapporti di rilevanza strategica per l'interesse nazionale.

STATO DI DIFFICOLTA' ECONOMICO FINANZIARIA

L'impresa e' considerata in stato di difficolta' economico finanziaria qualora: 

  • a) presenta flussi di cassa prospettici inadeguati a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate ma non versa in uno stato di difficolta' ai sensi del paragrafo 2.2 della comunicazione 2014/C 249/01.
  • b) versa in uno stato di difficolta' ai sensi del paragrafo 2.2 della comunicazione 2014/C 249/01. 

REQUISITI

Le imprese 

  • a) devono essere regolarmente costituite e iscritte nel registro delle imprese;
  • b) devono avere sede legale e operativa ubicata su tutto il territorio nazionale;
  • c) non devono rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea;
  • d) devono aver restituito agevolazioni godute per le quali e' stato disposto dal Ministero un ordine di recupero.

IMPRESE ESCLUSE

Sono, in ogni caso, escluse dalle agevolazioni di cui al presente decreto le imprese:

  • a) nei cui confronti sia stata applicata la sanzione interdittiva di cui all'art. 9, comma 2, lettera d), del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 e successive modificazioni ed integrazioni;
  • b) i cui legali rappresentanti o amministratori siano stati condannati, con sentenza definitiva o decreto penale di condanna divenuto irrevocabile o sentenza di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell'art. 444 del codice di procedura penale, per i reati che costituiscono motivo di esclusione di un operatore economico dalla partecipazione a una procedura di appalto o
    concessione ai sensi della normativa in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture vigente alla data di presentazione della domanda;
  • c) che hanno riportato condanne penali o sanzioni amministrative definitive per le violazioni della normativa in materia di lavoro e legislazione sociale. 

Non possono, altresi', accedere alle agevolazioni  le imprese che hanno ricevuto in passato un aiuto per il salvataggio, un aiuto per la ristrutturazione
o un sostegno temporaneo per la ristrutturazione e/o eventuali aiuti non notificati.

PROGRAMMI DI RISTRUTTURAZIONE

Ai fini dell'accesso al fondo, le imprese devono proporre un programma di ristrutturazione finalizzato alla salvaguardia dei livelli occupazionali e alla prosecuzione dell'attivita' d'impresa.

IL PROGRAMMA DEVE CONTENERE DETTAGLIATE INFORMAZIONI IN ORDINE:

  • a) all'impresa proponente, con particolare riferimento alle capacita' imprenditoriali della compagine sociale;
  • b) alla situazione di crisi economico-finanziaria in essere, alle cause delle difficolta' del richiedente e alle sue debolezze, al
    mercato di riferimento e alla collocazione attuale e prospettica dell'impresa sul medesimo;
  • c) alle azioni che si intendono porre in essere per sostenere la continuita' e lo sviluppo dell'attivita' d'impresa e ripristinare la
    redditivita', alle eventuali ipotesi di ristrutturazione finanziaria sotto forma di conferimenti di capitale effettuati da soci nuovi o
    esistenti e/o di riduzione di crediti da parte dei creditori esistenti;
  • d) alle azioni che si intendono porre in essere per ridurre gli impatti occupazionali connessi alla situazione di crisi economico-finanziaria, quali, a titolo esemplificativo:
    • processi di riqualificazione finalizzati al miglioramento della qualita' del capitale umano impiegato e/o alla riallocazione di addetti all'interno del gruppo societario di appartenenza ovvero presso imprese terze;
    • scelte di innovazione organizzativa e tecnologica finalizzate alla digitalizzazione e alla valorizzazione delle risorse
      umane;
    • modelli contrattuali e schemi di orario di lavoro funzionali alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro;
    • forme socialmente responsabili di gestione di eventuali esuberi di personale;
  • e) alle imprese che abbiano gia' manifestato interesse all'acquisizione della societa' o alla prosecuzione dell'attivita'
    d'impresa, ovvero alle azioni che si intendono porre in essere per trovare un possibile acquirente, anche mediante attrazione di investitori stranieri;
  • f) alle opportunita' offerte ai dipendenti di presentare una proposta di acquisto dell'impresa e ad ogni altra possibilita' di
    recupero degli asset da parte degli stessi;
  • g) ai costi connessi all'attuazione del programma di ristrutturazione.

CONDIZIONI

L'intervento nel capitale di rischio dovrà essere accompagnato da un apporto di investitori privati per almeno il 30%.

MASSIMALE

Il tetto dei 10 milioni vale per il complesso degli interventi e può essere superato solo se solo se partecipano anche Regioni o altre amministrazioni locali.

DEROGA PER LE PMI

Vale anche nei casi di proroga di sei mesi della cassa integrazione straordinaria per cessazione. 

RISORSE

Il Fondo ha una disponibilità di 300 milioni per il 2020, rifinanziata con ulteriori 250 milioni per il 2021.

FINANZIAMENTI DA FONDI DI INVESTIMENTO PRIVATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Per una prefattibilità gratuita clicca quì.
 
CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO PRESENTA RICHIESTA

Campania Contributi

LIQUIDITà 800

ITALIA CONTRIBUTI SLIDER PRE FATTIBILITA GRATUITA 800

SMART START BANNER 800X115

  

FINANZIAMENTI PRIVATI 800

   

SABATINI 2020 2024 800 

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO SLIDER 2019 800

CONTRATTI DI SVILUPPO IMPRESE AGROINDUSTRIALI BANNER 800 

TI INTERESSANO AGEVOLAZIONI FINANZIARIE DI UN ALTRA REGIONE?

VISITA IL SITO DI ITALIA CONTRIBUTI

ITALIA CONTRIBUTI

 VISITA ANCHE I NOSTRI SITI REGIONALI

LombardiaContributi.it

PiemonteContributi.it

VenetoContributi.it

ValledAostaContributi.it

LiguriaContributi.it

TrentinoAltoAdigeContributi.it

FriuliVeneziaGiuliaContributi.it

EmiliaRomagnaContributi.it

ToscanaContributi.it

UmbriaContributi.it

MarcheContributi.it

LazioContributi.it

AbruzzoContributi.it

MoliseContributi.it

CampaniaContributi.it

PugliaContributi.it

BasilicataContributi.it

CalabriaContributi.it

SiciliaContributi.it

SardegnaContributi.it


Logo Italia Contributi

(TM) ITALIA CONTRIBUTI E' UN MARCHIO DEPOSITATO E PROTETTO
Tutti i diritti sono riservati
Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione

.CHIEDI INFORMAZIONI 150CHIEDI APPUNTAMENTO 150 BIANCO

 
 

FINANZIAMENTI DA FONDI DI INVESTIMENTO PRIVATI

250 FINANZIAMENTI DA FONDI DI INVESTIMENTO PRIVATI

NUOVA SABATINI

NUOVA SABATINI 2024 250

 

FINANZIAMENTI LIQUIDITA' URGENTI

PULSANTE FINANZIAMENTO LIQUIDITA FINO A 800.000 E 5.000.000

PRE-FATTIBILITA' GRATUITA

ITALIA CONTRIBUTI PRE FATTIBILTA GRATUITA 300

CREDITO ADESSO

LOMBARDIA CREDITO ADESSO

COOPERATIVE

LOMBARDIA COOPERATIVE 2019

SVILUPPO AZIENDALE

LOMBARDIA FINANZIAMENTI ALLE PMI PER INVESTIMENTI E SVILUPPO IMPRESE. MISURA AL VIA

RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE

RICERCA E SVILUPPO SCIENZA DELLA VITA

MINIBOND

LOMBARDIA.PROGETTO.MINIBOND

"AL VIA" VALORIZZAZIONE INVESTIMENTI AZIENDALI

LOMBARDIA.AL VIA

FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE

anticipo fatture 90 in 48 ore

IMPRESE SOCIALI

MISE IMPRESE SOCIALI 250

LINEA INNOVAZIONE

LOMBARDIA.LINEA.INNVOZANE

CONTRATTO DI SVILUPPO AGROINDUSTRIALE

CONTRATTO DI SVILUPPO AGROINDUSTRIALE 250

VUOI UNA CONSULENZA PROFESSIONALE?

chiedi appuntamento 1 Bianco

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

PULSANTE FINANZIAMENTO LIQUIDITA

 

LOMBARDIA: TUTTE LE AGEVOLAZIONI APERTE PER LE IMPRESE

AGEVOLAZIONI PER L'EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI 250

NO PROFIT ONLUS ECONOMIA SOCIALE

MISE ECONOMIA SOCIALE

CONTRATTI DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0

PRESTITO SCORTE E CAPITALE CIRCOLANTE

PRESTITO SCORTE E CIRCOLANTE 250X250

MARCHI PIU 3

MARCHI3 2018 MISE

IMPRESE SOCIALI NO PROFIT E ONLUS

MISE ECONOMIA SOCIALE

SMART & START ITALIA

SMART START ITALIA GIOVANI E DONNE

STARTUP INNOVATIVE A VOCAZIONE SOCIALE

START.UP.INNOVATIVE.VOCAZIONE.SOCIALE 250

PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI leFP - a.f.

LOMBARDIA PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI FORMAZIONE PROFESSIONLE

MISE, AZIENDE VITTIME DI MANCATI PAGAMENTI

finanziameti.alle.pmi.vittime.di.mancati.pagamenti

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO.2017.250

LOMBARDIA ARTIGIANATO

Lombardia.Artigianato.Investimenti 200

CONTRATTI DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0

VALORIZZAZIONE TURISTICO‐CULTURALE DELLA LOMBARDIA

LOMBARDIA ATTRATTORI TURISTICO CULTURALI E NATURALI

BANDI EUROPEI: RICERCA E SVILUPPO CON SME INTRUMENTS PER LE PMI

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

SELFIEMPLOYEMENT

SELFIEMPLOIEMENT aprile 2017

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? RICHIESTA APPUNTAMENTO

fondi bei per le imprese 2017

FONDI.BEI.2017

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

FINANZIAMENTI IMPRESE AGRICOLE

LOMBARDIA IMPRESE AGRICOLE

LODI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI

LODI.NUOVE.IDEE.IMPRENDITORIALI

Dote Unica Lavoro

LOMBARDIA.GARANZIA.GIOVANI 250

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

LOMBARDIA CONCRETA

Lombardia concreta 2016

Iscriviti alla Newsletter gratuita

FONDI EUROPEI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE
fino a 12.500.000 euro

FONDI BEI

FONDI.BEI

PER LE IMPRESE ITALIANE

CHIEDI INFORMAZIONI

 

Dote Unica Lavoro

DOTE.UNICA.LAVORO

Pmi bresciane assunzione disoccupati

BRESCIA.CONTRIBUTI.ASSUNZIONE

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI IN AGRICOLTURA

NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI

START UP NUOVE IMPRESE

finanziamenti a tasso zero

fino a 1.500.000

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA.250

Chiedi informazioni

 

Ismea: Subentro e Ampliamento in Agricoltura

INTRAPRENDO

lOMBARDIA.INTRAPRENDO

Internazionalizzazione: Programmi di inserimento sui mercati esteri

Linea R&S per MPMI - Frim Fesr 2020

RICERCA.SVILUPPO

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

CREDITO ADESSO

LOMBARDIA.CREDITO ADESSO

Lombardia Smart Fashion and Design

LOMBARDIA.Smart.Fashion.and.Design

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

 

Iscriviti alla Newsletter gratuita

CERCA

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter gratuita

Maggiori informazioni

PARTNER

INFORMAZIONI

VISITA ITALIA CONTRIBUTI

VI INTERESSANO I CONTRIBUTI PER ALTRE REGIONI?

logobisbordino.250

CLICCA E VEDI LE ALTRE REGIONI

MOSTRA AGEVOLAZIONI VIGENTI REGIONALI

Iscriviti alla Newsletter gratuita

MOSTRA AGEVOLAZIONI VIGENTI NAZIONALI

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI